Santi | Giovanni Canadè

C’è chi va a Parigi per giocare ai poeti maledetti e c’è chi si fa bastare lo sporco appartamento di una periferia di provincia. C’è chi va a Parigi a parlare d’amore sulle rive della Senna; chi va a Pigalle, a Montmartre, al Bois de Boulogne. C’è chi rincorre ragazze in fiore nei parchi di una Parigi senza tempo, accostando i colori dei loro occhi alla lucida copertina di quei Verlaine; e nonostante lʼuso di termini come “verga” e verbi come “accogliere”, qualcuno riesce anche a scopare. Continua a leggere

I borghi più belli d’Italia | Luigi De Bartolo

Le umane maree sono emigrate da tempo,
hanno lasciato una coriacea pozza di simili
e segni sparsi di un confuso passaggio.
Verso il cielo punta la strada,
lungo il pendio ripido, selvaggio, universale,
lo sguardo si riempie di sensazioni mistiche.
Edifici con mattoni a vista, non ancora conclusi,
sono narratori insuperabili di quotidiano.

Continua a leggere