Home » I Nostri Autori » Poesia » Catalisi | Stefano Luchetta

Catalisi | Stefano Luchetta

Sintesi chimica di ingenuità
e adrenalina, prima scissione
dell’energia che si manifesta
dal palco e sopra ogni testa
bandita a restare più in basso
e da lì, giudicare.

Catalisi: scintilla la polvere
sopra le travi che calpesta
l’atteso varcator de le quinte;
mormora il legno, trasale
il pensiero, in preda
al terrore che assale, foriero
di quello che accade.

Altrove si perde il silenzio
là, ove non esiste nessuno,
odori, colori e suoni
appartengono agli incerti postumi
e agli abbandonati timori,
echeggian il verbo e la battuta
tra il discrimine del contingente,
tra due adiacenti universi divisi
da un invisibile muro,
tra il passato, il presente e il futuro.

Infin finisce e tutto resta in sospeso,
muore, se il battito è assente,
vive, nel cuore pulsante di mani,
che batte e risuona: genera joule
la dinamo umana, forza
dell’animo vestito di scena
fin quando alle quinte, il corpo
ritorna, lasciando alle spalle
lo spazio ormai vuoto
che osserva silente
un tempo remoto.

Commenti