I borghi più belli d’Italia | Luigi De Bartolo

I borghi più belli d’Italia | Luigi De Bartolo

Le umane maree sono emigrate da tempo,
hanno lasciato una coriacea pozza di simili
e segni sparsi di un confuso passaggio.
Verso il cielo punta la strada,
lungo il pendio ripido, selvaggio, universale,
lo sguardo si riempie di sensazioni mistiche.
Edifici con mattoni a vista, non ancora conclusi,
sono narratori insuperabili di quotidiano.

Dietro finestre in alluminio, il riflesso della tv sempre accesa.
I cani sono senza guinzaglio per penuria di padroni;
la casa cantoniera ha i vetri sbeccati,
sulle mura messaggi politici di epoche remote,
dell’ultima volta che è stato rifatto l’asfalto.
In piazza uno sparuto gruppetto gioca a carte:
pensionati, disoccupati, impiegati comunali,
amministratori di una quota di deserto.
Nessun terremoto, nessun cataclisma,
l’uomo ha tempi d’impatto diversi,
sulla scala Richter non lo rilevano.
Dalla rassegnazione affiorano sommessi sospiri.
Tutto è cristallizzato, senza ritorno,
la speranza è un esercizio di follia.
Su una miniera di malinconia a cielo aperto,
tra i ricordi del passato e i vuoti del presente,
la morte annida la sua vulgata.
È un lusso poterla osservare in viso.
Lontana dalle luci, dalle emozioni palpitanti,
la vita è una recita senza pubblico,
l’uomo, un infinitesimo dell’universo conosciuto.
Nel silenzio insostenibile cupa voglia di rivalsa,
di agghindarsi a festa una volta l’anno,
nella proiezione 3d della nostalgia.
Litanie di ciechi turisti animano le notti d’estate,
riempiendo le tasche dei soliti noti.
I giovani in cerca di vita, passano per Arcavacata
prima di fare il salto a Broadway.
Beati loro, mormorano gli anziani.
In questo misto di colori che sferzano il cuore,
uno resta più impresso, prevalente,
il nero dominio dell’uomo sull’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook
Instagram