Il Pendolo

Il Pendolo

«Formula figurale del desiderio» o, che è la medesima cosa, «scrigno di luce in una chiave d’ombra»: questi versi, tra desiderio e luce, sembrano contenere i due fuochi principali della poesia di Andrea Napoli e, allo stesso tempo, ne riassumono la funzione. Sono due i cuori del Pendolo, prima raccolta di versi del giovane poeta: uno è costituito dal margine corporale e afflitto di un vissuto puro e, tutto sommato, quieto; l’altro si fonda su un sostrato di carta, figurale, letterario che, pur inquieto, non assume mai un tono polemico e non si prefigge di agire sulla realtà. Si fa sublime e assennata pastorale, poesia in fiore che (estranea ma, lo si vedrà, non sottomessa) indugia nei piaceri dolorosi della ricordanza e del riecheggiamento mediante una parola che riposa e sogna, che accompagna gli esercizi quotidiani dell’essere mediante un modello artistico che canta la realtà come lo farebbe il suono di un pianoforte aerofono, ma che sceglie di non muoverla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook
Instagram