La spina

La spina

Eccola, la spina che morde il calcagno.
Tra bocca e ano, c’è la miseria.
Ingravido la via lattea
con lo splendore dei ponti,
traccio rotte cosmiche
per raggiungermi l’ombelico.
E bellezza, tu coagulata
sui litorali del male,
sei pretesto per sperare che
Dio non sia cannibale.
Non temere, amica mia,
perché temere è degli stupidi;
sappi che quest’epoca di mercato
sta svendendo i tuoi occhi
al macello delle carni tenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook
Instagram