Prossimi Eventi

EVENTI PERMANENTI

L’attività associativa del nucleo si svolge tutti i giovedì dalle 21:30 presso la propria sede (sala conferenze “Tommaso Campanella” presso la sede dell’emittente CamTele3 , via Brodolini 19 – Rende, zona Metropolis, – CS).

L’ingresso è gratuito ed è volto a condividere le proprie esperienze di lettura e di scrittura con l’intero collettivo.

PROSSIMI EVENTI

 

NKK è lieto di invitarvi al reading in onore di Emilia Zinzi, importate storica dell’arte italiana di origini calabresi, che si terrà nella Sala Seminari della Biblioteca Umanistica dell’UNICAL, giovedì 23 Maggio, ore 15:30.

Il reading è curato dell’associazione di volontariato La Masnada, che ringraziamo per averci voluto a bordo in questa grande avventura.

POETRY SLAM | NUCLEO KUBLA KHAN
@CavernClub – Arci Aprile
INGRESSO LIBERO | ORE 21:30

Per Iscrizioni, aperte fino al 26/04, i potei possono inviare un messaggio alla pagina del nucleo: Nucleo Kubla Khan.

Presenterà l’evento Mirko Iaquinta, a cui va un nostro sentito ringraziamento.

REGOLAMENTO
—————————————-

 

 

 

Presentazione del libro “Prossima Fermata Machado”, di Luigi De Bartolo [Efesto Edizioni]

Venerdì 19 Aprile
ore 18:30
Via Brodolini 19, RENDE, zona metropolis, CS

DESCRIZIONE:

Giovanni Caporale dialoga con Luigi De Bartolo autore del romanzo “Prossima fermata Machado”.

L’Erasmus negli ultimi anni è il viaggio, l’ultimo grande rito d’iniziazione verso l’età adulta. Quando poi si parte dalla periferia d’Europa, da uno dei luoghi più depressi d’Italia, il viaggio diventa una rivoluzione.

È il 2009, Berlusconi è tornato al potere per la terza volta, il sesso è ormai il pilastro di un’intera epoca, un mantra che la televisione diffonde dal centro della nazione fino alle provincie più remote. In un paesino calabrese vive Luigi, 23 anni e un incubo ricorrente: Jugale. La maschera dell’idiota delle storielle calabresi rappresenta la maledizione che sente addosso nell’approcciarsi al mondo, agli altri, alle ragazze.

Con terrore parte per Valencia, quasi come se dovesse fare la guerra e non l’Erasmus. La Spagna però, terremoto ormonale e di vita, lo costringerà attraverso vicende bislacche e incontri stranianti ad alzare gli occhi da terra e da se stesso e a interrogarsi su ciò in cui ha sempre creduto.