Simulacri

Simulacri

Lucchetto – Veronica Minucci

Foreste di antenne sopra i tetti, croci di un’epoca

remota, le anime dei morti sepolti nei tubi catodici

vagano sotto i portici di radiche – sagome d’angoscia -,

la piazza è un simulacro, il rivolo d’acqua tra gli scogli

dove s’incaglia la sporcizia portata lì dalla corrente,

la stanchezza d’un sax sfoca i lampioni delle strade

rendendoli una compagnia sopportabile per gli occhi,

si desta il sortilegio dell’imbrunire e l’ombra s’allunga

e par di poter saltar gli edifici con un balzo, poi, il buio

riporta la verità sul mondo, tutto è parte del niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook
Instagram